Cosa è una Protesi Peniena? Come funziona? Chirurgia | Disfunzione-erettile-e-sessualita
Impiantare | Trova una soluzione contro la disfunzione erettile

Cosa è una Protesi Peniena? Come funziona? Chirurgia

“Ho provato tutte le terapie che pensavo potessero aiutarmi ma niente è stato efficace. Così mi sono detto: questa l’unica soluzione che mi rimane, devo farlo! Rimpiango soltanto di non averlo fatto prima, perché sono un uomo molto più felice dopo l’impianto di protesi peniena.”

– Martino*

protesi peniena idraulica
protesi peniena idraulica

Scegli l’opzione migliore per te:

Una protesi peniena è un dispositivo medico che viene impiantato mediante procedura chirurgica nel pene, studiato per ottenere e mantenere l’erezione per il tempo desiderato. Essa ti permette di raggiungere un pieno controllo del tuo corpo e, a differenza di altri trattamenti dove ci può essere un breve periodo di attesa, è efficace immediatamente. Se soffri di disfunzione erettile e le altre opzioni terapeutiche non hanno funzionato, una protesi peniena potrebbe essere la soluzione ideale.

Un impianto di protesi peniena comporta una procedura chirurgica di routine: la maggior parte degli uomini torna a casa 2 giorni dopo l’intervento al massimo e, in seguito ad un periodo di recupero che dura solitamente 6 settimane, può riprendere l’attività sessuale1.

Sarà un urologo a spiegarti i dettagli della procedura, il processo, i tempi di recupero e l’utilizzo dell’impianto.

Gli impianti di protesi peniena2 offrono dunque l’opportunità di rivivere una dimensione intima e, anche se si è soggetti ad un deficit erettile da molti anni, essi rappresentano uno standard di cura sicura ed efficace.

 

Coloplast ti offre due tipologie di impianti:

  • TITAN® PROTESI IDRAULICA: l’erezione viene controllata e percepita in modo naturale.
    Scopri di più sulla protesi idraulica nell’articolo dedicato
protesi peniena malleabile
protesi peniena malleabile
  • GENESIS® PROTESI MALLEABILE: questa tipologia di protesi rende il pene permanentemente rigido e può essere particolarmente adatta in caso di scarsa destrezza manuale3.
    Scopri come funziona GENESIS nel nostro articolo

Entrambe le tipologie di protesi peniena vengono impiantate all’interno del corpo cavernoso, sono totalmente invisibili, ed offrono la possibilità di avere un’erezione immediata quando lo desideri.
Avrai il completo controllo della tua vita sessuale, quando e per quanto lo desidererai, tornando a vivere una vita attiva insieme alla tua partner.

 

In cosa consiste l’intervento di impianto di protesi peniena?

Piero, 54 anni: “Ho avuto problemi di erezione per circa 6 mesi, potrei candidarmi per un intervento di protesi peniena?”

Questo tipo di intervento chirurgico consiste nell’impianto di una protesi all’interno del pene, per ripristinare la funzionalità erettile.

Sono due le tipologie di protesi comunemente utilizzate:

  • La protesi idraulica, realizzata in Bioflex, è un dispositivo espandibile e fornisce un’erezione naturale
  • La protesi malleabile, costituita da due cilindri semirigidi posti all’interno del pene, fornisce una rigidità sufficiente per avere un rapporto sessuale

La durata dell’intervento è compresa tra una e due ore, una volta terminate le quali ti verrà posizionato un catetere urinario per 12-48 ore. La maggior parte dei pazienti lascia l’ospedale il giorno dopo l’intervento e, per una rapida guarigione, ha bisogno di due o tre settimane di riposo.

 

Dopo l’intervento ci possono essere complicanze?

Una volta eseguito l’impianto, questo sarà percepibile da te sia da gonfio così come da sgonfio ma nessun’altro potrà accorgersene, a meno che non venga palpato lo scroto dove è possibile avvertire la protuberanza della pompa. Ci vorrà del tempo per abituarsi alla protesi ma riuscirai presto a godere di una normale erezione, con orgasmo ed eiaculazione.

Trattandosi di un intervento chirurgico possono comunque presentarsi alcune complicanze o fastidi, ma generalmente migliorano entro le due settimane: sintomi post-operatori del tratto urinario inferiore possono essere causati dal catetere che è stato posizionato dopo l’intervento, così come lividi e gonfiore dello scroto o del pene sono considerati quasi sempre normali entro le prime settimane dall’operazione.

In due o tre settimane dall’intervento, e più raramente andando avanti nel processo di guarigione, si manifestano a volte delle infezioni.

Se dolori, gonfiori o infezioni persistono e/o aumentano contatta il tuo urologo il prima possibile.

Condividi questo articolo